Il progetto

  •  
    Introduzione

    MaestraNatura è un progetto per la promozione di corretti stili di vita rivolto alla scuola primaria e secondaria di 1° grado realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con il Ministero della Salute.
    Il progetto nasce con l’obiettivo di offrire uno strumento operativo agli insegnanti, che si ponga come riferimento in un contesto caratterizzato da un eccesso di proposte didattiche, spesso basate su posizioni ideologiche piuttosto che su principi scientifici.

    MaestraNatura si basa su un approccio sistemico-costruttivista su cui è stato innestato un percorso di didattica per competenze il cui scopo è insegnare ai bambini e ai ragazzi il valore del cibo sia in termini di benessere personale che di relazione con l’ambiente e il territorio.

    La fruizione dei contenuti avviene attraverso una piattaforma e-learning progettata per sostituire i capitoli del libro di testo dedicati all’educazione alimentare, attraverso lezioni scaricabili e un percorso di gioco che permette all’insegnante di rendere fortemente interattiva la lezione, avvalendosi di materiali di altissima qualità.

    Per approfondire i contenuti didattici dei moduli cliccare qui.

    Metodologia

    MaestraNatura è un programma di educazione alimentare frutto di un lungo e articolato studio, iniziato nel 2010, e di una sperimentazione sul campo, iniziata nel 2013, che ha coinvolto circa 200 scuole, 1.700 insegnanti e 55.000 studenti di tutte le classi della scuola primaria e secondaria di 1° grado.

    Scopo del progetto era creare contenuti che suscitassero l’interesse di bambini e ragazzi, che ne stimolassero il senso di osservazione, il pensiero critico e la conoscenza per analogia, atteggiamenti che, da sempre, permettono agli scienziati di orientarsi nella complessità. L’alimentazione, infatti, è un ambito estremamente complesso in cui le interazioni tra i nutrienti e l’organismo sono influenzate da tantissime variabili che non possono essere previste in maniera deterministica.

    La fase di studio del progetto ha permesso di identificare le principali credenze errate diffuse tra gli studenti, che spesso si conservano fino all’età adulta, influenzando negativamente la diffusione di principi di sana alimentazione, nonché definire le metodologie più efficaci per mantenere alto l’interesse di bambini e ragazzi.

    Infine, il progetto ha permesso di comprendere le principali difficoltà incontrate dagli insegnanti nel corso dell’attività didattica, sia con riferimento alla gestione di aule sempre più complesse sia per quanto attiene all’organizzazione delle attività laboratoriali. Per questo i percorsi didattici contenuti sulla piattaforma - uno per la classe V della scuola primaria e uno per la classe II della scuola secondaria di primo grado – sono stati standardizzati al massimo, attraverso giochi e lezioni scaricabili, per permettere agli insegnanti di proporre un percorso interattivo riducendo drasticamente i tempi di preparazione del materiale e permettendo di avere più tempo da dedicare alla riflessione e all’interazione con gli alunni.